Queste pagine parlano del mare.
Queste pagine parlano del mare attraverso immagini e pensieri.
Queste pagine parlano del mare che io vivo per tre mesi all'anno.
Queste pagine parlano del mare che amo e che conosco da sempre.
Queste pagine parlano del mare che avevo dimenticato e al quale sono ritornato.
Queste pagine parlano del mare...

Regarding myself...

Mi è sempre piaciuto fotografare, vuoi per imitazione dei più grandi (da bambino), vuoi per la passione verso qualcosa di intrinsecamente tecnologico (ai tempi del liceo) ed alla fine per il desiderio di creare delle immagini originali, che potessi rivendicare come mie.

Per anni ho fotografato all’impronta, con poco costrutto, in maniera quasi compulsiva con l’unica guida artistica costituita da una vecchia storia della fotografia che arrivava sino a HCB, Capa, Duncan e alle prime cose di Roiter e Berengo Gardin (per gli italiani) e dalla quale ho tratto la mia passione per Stieglitz, Weston e Adams.

Poi finalmente sono arrivati il digitale e Internet e le cose sono cambiate: lentamente ho reimparato a scattare e, finalmente, ho potuto dedicarmi all’equivalente della camera oscura (che non potevo permettermi per problemi di spazio) giocando finalmente con l’elaborazione digitale.

Fotograficamente parlando sono onnivoro, nel senso che mi piace fare e sperimentare un po’ di tutto, sia come tecnica che come soggetti, con alcune puntualizzazioni: in primis amo il mare (in particolare quello di Grado) che è uno dei miei soggetti preferiti, e qui penso si senta la passione per Weston. Poi mi piace indagare sui particolari e sui dettagli delle cose, cercando visioni astratte e surreali in contesti quotidiani, forse spinto dalla limitatezza dei mezzi a disposizione, limitatezza alla quale cerco di sopperire andando a vedere “oltre”, cercando quello che in genere non si vede perché nascosto dal rumore di fondo della quotidianità per poi trasfigurarlo lasciando correre la fantasia. E poi c’è il grande viceversa: la persona umana con la quale mi sono cimentato pochissimo e che, pur tentandomi, resta per me un territorio ampiamente inesplorato.

Cosa farò da grande? Spero di continuare a giocare, a sperimentare e, soprattutto, a imparare procedendo come in un costante work in progress… D’altra parte mi resta ancora un po’ di tempo…


Sono nato a Gorizia nel 1962, vivo a Udine dove lavoro nel campo dell'ICT. Fotografo con una Nikon D60 e con tutto quello che mi passa per le mani, compattine e cellulari, elaborando le immagini con software rigorosamente open source. Pubblico le mie immagini sul portale www.micromosso.com e sul mio blog personale un-fia-de-mar.blogspot.com, oltre che su diversi gruppi Facebook.

Nessun commento: