Queste pagine parlano del mare.
Queste pagine parlano del mare attraverso immagini e pensieri.
Queste pagine parlano del mare che io vivo per tre mesi all'anno.
Queste pagine parlano del mare che amo e che conosco da sempre.
Queste pagine parlano del mare che avevo dimenticato e al quale sono ritornato.
Queste pagine parlano del mare...

mercoledì 18 maggio 2011

Lignano

Lignano

8 commenti:

fabrizio ha detto...

affascianante la resa di questo b/n, ottima sensazione di pace trasmessa, mi piace molto

Francesco ha detto...

a me invece trasmette una sensazione di disagio e abbandono. Bello il taglio, avrei contrastato un po' di più il chiaro/scuro

Paolo ha detto...

a dirla tutta quando l'ho scattata c'era in giro una gran pace, però Francesco ha intuito meglio lo stato del manufatto... derelitto e lasciato andare. ho qualche altro scatto di quella giornata, chissà se riesco a tirarne fuori q.cosa di buono che renda meglio l'idea di abbandono

Susanna ha detto...

Piace anche a me...
Ma chi l'ha detto (uffa!) che ci deve essere la presenza umana??!!!
Non può, un paesaggio, in un BW così struggente, bastare a se stesso? Non può essere il protagonista incontrastato, magari aiutato da una valida post come questa?
Bravo, Paolo, mi sa che ci intendiamo!
Scusa lo sfogo riferito a MM...
Susanna

Paolo ha detto...

@Susanna: :-) mi trovi assolutamente d'accordo. su MM vanno per la maggiore alcune correnti di pensiero che non trovano completamente d'accordo neanche me. quella della "presenza umana" è una di queste, come quella legata alla predilizione per il BW. d'altra parte la mia serie su Ansel Adams e prima ancora quella su Weston erano un po' il mio manifesto su un certo tipo di fotografia, e lì di presenze umane ne ho messe poche, proprio perché la natura (o un paesaggio come questo, pur con segni di presenza antropica, il che mi fa pensare a quella splendida foto di Ansel Adams, "Church and Road, Bodega, California") di per sè non ha bisogno dell'uomo per essere spettacolare.

grazie Susanna

elena ha detto...

una foto affascinante....più che abbanono a me ispira tristezza e... incredibile, nonostante sia così aperta mi à un senso di claustrofobia.
bravo paolo!

ventrixdrogo ha detto...

Mi piace questa foto, molto, a prescindere dalla presenza umano o meno. Il bianco e nero e' buono.
Ti rispondo qui per il medievalismo, perche' non so se le risposte dal Blog arrivano direttamente.
Io fotografo quasi esclusivamente in analogico e in bianco e nero, per scelta, sviluppo in proprio, purtroppo non riesco a stampare per motivi logistici e famigliari, nel senso che il resto della famiglia mi sbatterebbe fuori casa per l'occupazione impropria del bagno.

Ciao.

enrico (ventrix)

Paolo ha detto...

@ventrix: grazie enrico! per il medievalismo, la mia era una battuta, ma adesso che so come lavori... chapeau... penso che lavorare in digitale sia più semplice e invece tu in analogico fai delle cose molto belle